Arte e Cultura. Puntare su competenze e qualità.

Durante questa campagna elettorale ho incontrato e conosciuto tante persone, tra cui molti professionisti dell’arte. Bologna è piena di capitale umano, talenti che dobbiamo difendere e invitare a restare: non possiamo permetterci di perderli!

Sabato sera ho assistito a uno spettacolo curato da una giovane artista/imprenditrice con uno staff e una forza pazzeschi. Lei è Caterina Praderio, fondatore di Arthea eventi e comunicazione. Voglio condividere con voi alcune sue parole:

“…andate a toccare con mano cosa è veramente la professione dell’artista, quale organizzazione comporta, quale studio, quale forza di volontà, quali sacrifici quotidiani per cercare di essere sempre al top anche se poi si sbaglia, e quali sbagli dai quali imparare!!
Ma soprattutto quali acrobazie facciamo per quell’arte che porta tanta gloria e pochi soldi; quell’arte super tassata, costretta a piegare la testa in Italia di fronte alla burocrazia, quell’arte che se la fai bene diventi anche famoso, ma anche no, quell’arte che è completamente imperfetta ma più scienza di un corso di marketing. Andatela a toccare con mano: andateci dentro e premiatela!”

Queen in 2084! @Teatro Centofiori - Direzione artistica e regia di Caterina Praderio.
Queen in 2084! @Teatro Centofiori – Direzione artistica e regia di Caterina Praderio.

Queste parole mi hanno fatto molto riflettere sullo stato dell’arte a Bologna.
Sicuramente la nostra città è all’avanguardia sia sulle grandi manifestazioni – per esempio ArteFiera che riesce a mettere in rete il polo fieristico con gallerie private, musei e spazi pubblici – sia sui progetti più piccoli e laboratori promossi da privati – per esempio la biennale di fotografia industriale promossa dal MAST, o le tante manifestazioni artistiche che riempiono gli spazi della nostra città.

L’arte e la cultura, nelle loro molteplici espressioni, sono valori fondanti la tradizione bolognese: rappresentano un punto di attrazione non solo per i turisti, ma anche per tutti quegli artisti che trovano a Bologna spazio e condizioni migliori per il proprio lavoro.
Ma come dice il post di Caterina, studio ricerca e sacrificio, oltre che una burocrazia spesso contorta, sono il pane quotidiano per chi fa arte e una buona amministrazione deve fare il possibile per agevolare i mestieri creativi.
La creatività che contraddistingue Bologna produce bellezza e conoscenza. Io lo sostengo da sempre, anche per questo sono stata responsabile Cultura, Ricerca e Università del Partito Democratico.

La prossima amministrazione deve garantire a chi opera nella Cultura e nell’Arte la miglior competenza negli organismi preposti alla valutazione dei progetti da finanziare, le commissioni valutative devono agire secondo scelte tecniche ben definite per il rilancio artistico di Bologna, farsi veicolo di un messaggio chiaro che guardi all’arte come produzione di contenuti di qualità.

A mio avviso un occhio di riguardo deve essere dato alle sperimentazioni e ai nuovi linguaggi dell’arte, che in una città come la nostra che mira a un’utenza internazionale devono essere promossi anche tramite bandi che convergano sulla creazione di spazi pubblici destinati a residenze artistiche o luoghi preposti alla promozione delle arti contemporanee.
Ampliare lo sguardo verso un orizzonte europeo, dove lo scambio a la ricerca vengano favoriti anche da una semplificazione burocratica per gli artisti e una visibilità e accessibilità maggiore per gli utenti, rivolgendo una particolare attenzione al rapporto tra arte contemporanea e tradizione, molto sentito nella nostra città.

È una responsabilità non da poco, ma insieme possiamo farcela.

 

Bologna e il diritto alla felicità

Con l’approvazione della legge che regolamenta le unioni civili e le convivenze di fatto sia tra persone omosessuali sia tra eterosessuali sento di poter dire che sono orgogliosa che la città di Bologna si sia fatta portavoce, in tempi non ancora maturi, della battaglia di civiltà che i movimenti LGBT insieme a tanti cittadini hanno portato avanti con coraggio e motivazione.
Virginio Merola ha ragione, oggi più che mai: “Bologna è la città dei diritti e i diritti si conquistano insieme”.

Insieme si può fare e ottenere molto, è vero.
Ma in realtà l’idea di raggiungere un traguardo, che è sempre un gran punto di partenza, mi fa pensare a un solo inalienabile diritto: il diritto alla felicità.
Molte persone che vivono a Bologna, in particolare coloro che hanno deciso di vivere qui, hanno scelto questa città perché qui avrebbero potuto sentirsi liberi, realizzati professionalmente, non giudicati ed essere felici e in prospettiva, noi candidati al governo di questa città, dobbiamo garantire con tutti le nostre forze la realizzazione di queste aspirazioni.

Se le politiche amministrative possono avere effetti sul benessere dei cittadini? Devono!
La Costituzione italiana sancisce nell’art.3 il “pieno sviluppo della persona umana”: la prossima amministrazione, nel rispetto della legge, deve farsi garante della felicità del suo popolo per tutelare la sua dignità a tutto tondo.

Vogliamo essere latori di una politica che riscopra finalmente la sua vocazione di servizio ai cittadini, alla comunità, che progetta il futuro, che ritrova il senso del suo operare nelle radici della propria cultura, una politica che abbia al centro del suo FARE la rimozione gli ostacoli che impediscono a tutti di sentirsi cittadini pieni, con uguali diritti e di trovare, attraverso il proprio progetto di vita – che sia l’altruismo sociale, l’impegno culturale o la costituzione di nuovi nuclei familiari – la felicità.

Gli anziani e il futuro di Bologna

Incontro con i pensionati
Incontro con i pensionati

Risorsa insostituibile, gli anziani sono la voce di un pezzo di storia della città di Bologna, patrimonio di conoscenza e pilastro dell’altruismo sociale e della famiglia.
Pensionati e Over80 della nostra città ci raccontano una Bologna che è sempre stata la città del sociale, esempio virtuoso di integrazione e accoglienza. Si ha la percezione che per i nostri anziani però qualcosa si sia perso, e che la socialità che ha sempre contraddistinto i nostri luoghi si sia dileguata ormai anche dai centri per anziani, forse troppo pochi e troppo esclusivi. I Senior vorrebbero più punti di aggregazione scanditi da politiche sociali che siano più inclusive, che puntino su centri dove poter condividere valori e saperi con le generazioni più giovani, per uno scambio continuo e reciproco di ricchezza.

Gli anziani sono anche una risorsa straordinaria per la riorganizzazione del nostro tempo. Pensiamo a tutti quei nonni che si prendono cura dei nipoti. Collegati gli uni agli altri, anziani e bambini hanno il diritto di passare il proprio tempo insieme in condizioni migliori. Per esempio nei parchi pubblici, dove va assolutamente sostenuta una maggiore manutenzione del verde, la pulizia dei bagni, sedute adeguate, sorveglianza. Sono temi che l’amministrazione è chiamata a gestire con maggior attenzione, sostenendo le associazioni e i volontari che fanno tantissimo per il decoro di Bologna.

Molti volontari di Bologna sono infatti i cittadini senior – per citarne alcuni, i pensionati del centro Villa Torchi o della Barca, tra Corticella e la Bolognina – che tengono i bagni aperti fino a tardi per garantire l’igiene a tutti i cittadini e non solo ai soci dei circoli, che curano il verde, che presidiano gli spazi pubblici. Queste persone chiedono che anche a Bologna, come in altri paesi limitrofi, venga istituito un albo di cittadinanza attiva in terza e quarta età per lavori socialmente utili, anche perché gli enti chiedono sempre più servizi al volontariato (talvolta per contrastare la delinquenza notturna e la microcriminalità gratuita) e i nostri grandi sono disposti ad impegnarsi con piacere, ma allo stesso tempo chiedono che gli vengano garantite maggiori tutele e non solo in materia di Sanità e Previdenza Sociale.

Certo le attenzioni richieste rappresentano un costo per il comune, ma sarebbe un costo attivo con un ritorno inaspettato soprattutto in termini di dignità e arricchimento umano.

MA COSA CHIEDONO GLI ANZIANI AI FUTURI AMMINISTRATORI?

Gli anziani auspicano che la prossima amministrazione si impegni ancora di più nell’ascoltare, parlare e dare risposte ai cittadini, instaurando con tutti (e soprattutto con quelli più grandi) un rapporto sereno.

Inoltre chiedono alle nuove leve, ai giovani, i nuovi segretari cittadini sia di partito sia delle associazioni di relazionarsi con le segreterie nazionali, incontrarsi, riorganizzarsi e riorganizzare le idee ma soprattutto mostrare nelle proprie azioni coraggio politico, consapevolezza e responsabilità. Una richiesta forte. Di impegno. Impegno nel riallacciare le relazioni politiche e tornare a farlo in modo sano.
Perché il tema che tutti abbiamo a cuore è uno: Bologna e il suo domani.