ANGIULI: GIUNTA MEROLA APRA CONFRONTO IN VISTA PROSSIMO BILANCIO.

ANGIULI: GIUNTA MEROLA APRA CONFRONTO IN VISTA PROSSIMO BILANCIO.

(DIRE) Bologna, 19 giu. – Nel prossimo bilancio Palazzo D’Accursio trovi il modo di abbassare le imposte per le imprese bolognesi, che sono “particolarmente tartassate”. Ad andare in pressing sulla Giunta Merola e’ lo stesso Pd che sostiene l’amministrazione, per bocca della consigliera comunale dem Isabella Angiuli, che cita la ricerca dell’Osservatorio Cna sul carico fiscale per le imprese del territorio. “A Bologna la tassazione per le Pmi va oltre il 70%- sottolinea Angiuli- basterebbero pochi punti percentuali di questa tassazione per liberare importanti risorse, che le imprese particolarmente tartassate sarebbero gia’ pronte a reinvestire in azioni di sviluppo”. L’esponente Pd cita in particolare Tari (la tassa sui rifiuti) e l’Imu. “Credo sarebbe un bel segnale da parte del Comune e di amicizia nei confronti di chi fa impresa- esorta- aprire un ragionamento su come diminuire la tassazione in particolare per le micro e piccole imprese”.
Le aziende di Bologna, rimarca Angiuli, “chiedono con forza al Governo nazionale e locale di liberare risorse da poter investire sulla crescita”. Non e’ solo un “tema di pressione fiscale elevata- spiega la dem- ma di iniqua distribuzione del carico, che svantaggia in particolare le piccole imprese personali”.
(SEGUE) (San/ Dire
15:35 19-06-17 .
NNNN

(DIRE) Bologna, 19 giu. – Per questo, Angiuli chiede di approfondire il tema “in previsione del prossimo bilancio, in quanto i dati raccolti dalle associazioni delle imprese fotografano situazioni poco eque e che non si modificano automaticamente nel corso della vita dell’impresa”, perche’ la struttura aziendale “spesso non muta” mentre “una tassazione squilibrata resta squilibrata per sempre e non ne incentiva certo la crescita”. Dunque, propone Angiuli, “sarebbe importante a livello territoriale studiare il tema della Tari, nel caso di produzione di rifiuti speciali, o dell’Imu sugli immobili produttivi-commerciali, che a causa delle elevate rendite catastali nel Comune di Bologna ci portano a essere al secondo posto per la tassazione delle imprese in Italia”. La dem ha chiesto un’udienza conoscitiva sulla Tari in commissione, a cui “potrebbero seguire altri appuntamenti per istruire il tema complessivamente in previsione del prossimo bilancio”. Nell’area metropolitana di Bologna, del resto, “gia’ da anni molti Comuni scontano alle start up la Tari per i primi anni e riducono l’Imu”, sottolinea Angiuli.
(San/ Dire
15:35 19-06-17 .
NNNN

qui è possibile scaricare il mio intervento di inizio seduta nel consiglio comunale di oggi

http://comunicatistampa.comune.bologna.it/2017/consiglio-comunale-lintervento-dinizio-seduta-della-consigliera-isabella-angiuli-857

Conoscere la Bigenitorialità e favorirne la migliore applicazione a Bologna – udienza conoscitiva da me richiesta il giorno 10/5/2017

La Convenzione sui diritti per l’infanzia approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York il 20-11-1989 stabilisce all’art. 18 comma I:
“Gli Stati parti faranno del loro meglio per garantire il riconoscimento del principio secondo il quale entrambi i genitori hanno una responsabilità comune per quanto riguarda l’educazione del fanciullo e il provvedere al suo sviluppo. La responsabilità di allevare il fanciullo e di provvedere al suo sviluppo incombe innanzitutto ai genitori oppure, se del caso ai suoi tutori legali i quali devono essere guidati principalmente dall’interesse preminente del fanciullo”.
Tali principi sono stati recepiti dall’ordinamento giuridico del nostro paese, con legge di ratifica 76/1991.
La Convenzione sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna (Adottata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 18 dicembre 1979, e ratificata dall’Italia il 10 giugno 1985), che all’art. 5 afferma:
“Gli Stati parte prendono ogni misura adeguata:
b) per fare in modo che l’educazione familiare contribuisca alla comprensione del fatto che la maternità è una funzione sociale e che uomini e donne hanno responsabilità comuni nella cura di  allevare i figli e di assicurare il loro sviluppo”.
L’art. 30 comma I della Costituzione italiana recita:
“E` dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio”.
Infine, la legge n. 54/2006, meglio conosciuta come Legge sull’Affido Condiviso, tradotta nell’art. 337 ter c.c., introduce il principio della bigenitorialità come il diritto soggettivo del bambino affinché possa continuare ad avere un rapporto equilibrato e continuativo con entrambi e a ricevere da ciascuno di essi cura, educazione e istruzione, a prescindere dal rapporto di coppia;
elimina l’assimmetria tra i genitori prima giuridicamente prevista, sancendo la centralità del minore ed il suo superiore interesse;
prevede che con l’affido condiviso, i genitori, in quanto tali, conservino i propri diritti/doveri esercitando entrambi la responsabilità genitoriale; 
estende la tutela educativa e affettiva del bambino agli ascendenti e ai propri parenti di ciascun ramo genitoriale, con i quali ha diritto di mantenere un rapporto significativo;
Non utilizzerò questo breve spazio di un intervento in udienza conoscitiva per fare un excursus della legge o delle degli elementi che hanno portato alla definizione della legge ma vorrei arrivare subito al punto per il quale ho deciso di richiedere questa udienza conoscitiva.
Dal 2006, anno di introduzione della legge sull’affido condiviso, ad oggi sono trascorsi 11 anni. Controllare l’attuazione della legge in questi 11 anni e valutarne gli effetti anche sul nostro territorio deve essere un dovere della politica ed è condizione indispensabile per legiferare in modo puntuale e attento alle richieste dei cittadini tanto più quando queste diventano impellenti e oggetto di sofferenza perché pregiudicano l’equilibrio fisico e psichico dei singoli ed il benessere dei minori e delle relazioni familiari dei quali questi si nutrono.
Si tratta di temi sui quali la politica a mio avviso dovrebbe sempre più giocare un ruolo in anticipo e non come invece spesso accade attendere di essere tirata per la giacchetta dai molti che ne reclamano l’assenza.
La legge 54/2006 sull’affido condiviso rimane tuttora decisamente carente sul piano dell’attuazione e non lo dice la Consigliera Angiuli bensì emerge da un recente rilevamento operato dall’ ISTAT sull’intero periodo 2005-2015 (Report novembre 2016 p. 13) e dalle Valutazioni contenute nella Circolare del Miur n. 5336/2015.
Scrive il MIUR nella circolare citata
“va constatato che, nei fatti, ad otto anni dall’approvazione della legge sull’affido condiviso, questa non ha mai trovato una totale e concreta applicazione anche nella quotidiana ordinarietà della vita scolastica dei minori.
Si invitano, pertanto, le SS.LL. a voler incoraggiare, favorire e garantire l’esercizio del diritto/ dovere del genitore separato o divorziato o non più convivente, anche se non affidatario e/o non collocatario (articoli 155 e 317 c.c.), di vigilare sull’istruzione ed educazione dei figli e conseguentemente di facilitare agli stessi l’accesso alla documentazione scolastica e alle informazioni relative alle attività scolastiche ed extrascolastiche previste dal POF”.
Solo a titolo meramente esemplificativo, si ritiene opportuno segnalare alcune delle azioni amministrative che le istituzioni scolastiche possono porre in essere per favorire la piena attuazione del principio di bigenitorialità a cui ogni minore figlio di genitori separati ha diritto:
inoltro, da parte degli uffici di segreteria delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, di tutte le comunicazioni – didattiche, disciplinari e di qualunque altra natura – anche al genitore separato/divorziato/non convivente, sebbene non collocatario dello studente interessato;
• individuazione di modalità alternative al colloquio faccia a faccia, con il docente o dirigente scolastico e/o coordinatore di classe, quando il genitore interessato risieda in altra città o sia impossibilitato a presenziare personalmente;
• attribuzione della password, ove la scuola si sia dotata di strumenti informatici di comunicazione scuola/famiglia, per l’accesso al registro elettronico, ed utilizzo di altre forme di informazione veloce ed immediata (sms o email).
• richiesta della firma di ambedue i genitori in calce ai principali documenti (in particolare la pagella), qualora non siano in uso tecnologie elettroniche ma ancora moduli cartacei. Si suggerisce, infine, laddove per la gestione di pratiche amministrative o didattiche concernenti l’alunno risulti impossibile acquisire il consenso scritto di entrambi i genitori, ovvero laddove un genitore sia irreperibile, di inserire nella modulistica la seguente frase:
“Il sottoscritto, consapevole delle conseguenze amministrative e penali per chi rilasci dichiarazioni non corrispondenti a verità, ai sensi del DPR 245/2000, dichiara di aver effettuato la scelta/richiesta in osservanza delle disposizioni sulla responsabilità genitoriale di cui agli artt. 316, 337 ter e 337 quater del codice civile, che richiedono il consenso di entrambi i genitori”.
Confida nella disponibilità delle SS.LL per dare l’opportuna diffusione, nelle forme comunicative ritenute più idonee, alle azioni che le singole istituzioni scolastiche possono porre in essere per favorire il rispetto delle norme sopra citate e, soprattutto, per promuovere il rispetto dei diritti educativi dei minori figli di genitori separati/divorziati/non conviventi e non collocatari.”
Il fatto è che l’affido in molti casi non è materialmente condiviso!
A fronte di questo vuoto applicativo sono moltissimi i genitori non collocatari che si rivolgono alle associazioni per reclamare il riconoscimento dei diritti in primis dei figli di poter vivere con entrambi i genitori.
Le comunicazioni inerenti i figli provenienti da diversi enti o istituzioni quali la scuola la parrocchia le aziende sanitarie ed altre non sempre vengono rivolte ad entrambi i genitori. È di poco tempo fa il caso di un genitore che ha appreso dal proprio figlio la notizia che quest’ultimo non fosse stato vaccinato. In questo specifico caso essendo la madre destinataria delle comunicazioni inerenti le vaccinazioni da parte dell’Asl non aveva condiviso con l’altro genitore la decisione di non vaccinare il figlio il quale ha poi informato il padre della non avvenuta vaccinazione.
Ma non sono tanto le situazioni estreme a doverci far sobbalzare quanto quelle che dovrebbero ritenersi normali e che invece spesso si trasformano in un vero incubo per uno dei due genitori.
Credo pertanto sia opportuno attuare tutto quanto in nostro potere per migliorare la qualità della vita e l’educazione della nostra comunità, favorire l’eliminazione di alibi che alimentano e producono deresponsabilizzazione da parte dei singoli, consentire concretamente l’accesso alle informazioni che riguardano i minori da parte di entrambi i genitori, consentire la reale realizzazione del diritto della donna a fruire di pari opportunità nel lavoro e nella vita privata, più in generale abbassare la conflittualità nei rapporti familiari delle coppie separate.
Il registro per la bigenitorialità
E’ uno strumento che permette di annotare formalmente anche la residenza o il domicilio del genitore non “collocatario”. Nella maggior parte delle separazioni, infatti, l’affido dei figli è condiviso, ma la loro “collocazione” prevalente sancisce anche la loro residenza legale. Questo significa che le istituzioni dialogano unicamente con un genitore per tutto quello che riguarda i figli, salute e scuola, ad esempio. Il registro della bigenitorialità permette a entrambi di avere le medesime informazioni.
La mappa dei comuni che stanno adottando il registro è in continua evoluzione. Hanno detto sì città come Verona, Siracusa, Parma, Savona e Bari. Altre hanno detto no, Modena e Cesena, ad esempio.
Alcune stanno discutendo come Torino e Milano. Insomma il massimo dell’incertezza. L’ ‘istituzione di tale registro a Bologna è auspicabile e per questo desidero manifestare la mia intenzioni di depositare un Odg da trattare in Consiglio Comunale per l’istituzione e la regolamentazione del Registro anche a Bologna.
La creazione e l’aggiornamento di un Registro Comunale della Bigenitorialità consentirà a chiunque lavori con i minori nell’esercizio delle professioni socio-sanitarie e delle professioni scolastiche (prestazioni sanitarie, consenso medico-pediatrico, firma pagella, iscrizione scolastica, gestione eventi religiosi, centri estivi ecc.) di inviare ad ambedue i genitori copie delle suddette comunicazioni.
Con la disponibilità di tale Registro, entrambi i genitori del minore avranno la possibilità di annotare la propria diversa domiciliazione legandola al nominativo del proprio figlio, in modo che le diverse istituzioni che si occupano del minore possano conoscere i riferimenti di entrambi i genitori rendendoli partecipi di ogni comunicazione che lo riguardi.
Il registro sarà disciplinato da apposito regolamento e costituirà un segnale di attenzione e di civiltà nei confronti delle persone e delle famiglie, ma soprattutto dei bambini e delle bambine, allo scopo di prevenire motivi di risentimento e ridurre la conflittualità, eliminando squilibri legati all’essere o meno
genitore co-residente.

Arte e Cultura. Puntare su competenze e qualità.

Durante questa campagna elettorale ho incontrato e conosciuto tante persone, tra cui molti professionisti dell’arte. Bologna è piena di capitale umano, talenti che dobbiamo difendere e invitare a restare: non possiamo permetterci di perderli!

Sabato sera ho assistito a uno spettacolo curato da una giovane artista/imprenditrice con uno staff e una forza pazzeschi. Lei è Caterina Praderio, fondatore di Arthea eventi e comunicazione. Voglio condividere con voi alcune sue parole:

“…andate a toccare con mano cosa è veramente la professione dell’artista, quale organizzazione comporta, quale studio, quale forza di volontà, quali sacrifici quotidiani per cercare di essere sempre al top anche se poi si sbaglia, e quali sbagli dai quali imparare!!
Ma soprattutto quali acrobazie facciamo per quell’arte che porta tanta gloria e pochi soldi; quell’arte super tassata, costretta a piegare la testa in Italia di fronte alla burocrazia, quell’arte che se la fai bene diventi anche famoso, ma anche no, quell’arte che è completamente imperfetta ma più scienza di un corso di marketing. Andatela a toccare con mano: andateci dentro e premiatela!”

Queen in 2084! @Teatro Centofiori - Direzione artistica e regia di Caterina Praderio.
Queen in 2084! @Teatro Centofiori – Direzione artistica e regia di Caterina Praderio.

Queste parole mi hanno fatto molto riflettere sullo stato dell’arte a Bologna.
Sicuramente la nostra città è all’avanguardia sia sulle grandi manifestazioni – per esempio ArteFiera che riesce a mettere in rete il polo fieristico con gallerie private, musei e spazi pubblici – sia sui progetti più piccoli e laboratori promossi da privati – per esempio la biennale di fotografia industriale promossa dal MAST, o le tante manifestazioni artistiche che riempiono gli spazi della nostra città.

L’arte e la cultura, nelle loro molteplici espressioni, sono valori fondanti la tradizione bolognese: rappresentano un punto di attrazione non solo per i turisti, ma anche per tutti quegli artisti che trovano a Bologna spazio e condizioni migliori per il proprio lavoro.
Ma come dice il post di Caterina, studio ricerca e sacrificio, oltre che una burocrazia spesso contorta, sono il pane quotidiano per chi fa arte e una buona amministrazione deve fare il possibile per agevolare i mestieri creativi.
La creatività che contraddistingue Bologna produce bellezza e conoscenza. Io lo sostengo da sempre, anche per questo sono stata responsabile Cultura, Ricerca e Università del Partito Democratico.

La prossima amministrazione deve garantire a chi opera nella Cultura e nell’Arte la miglior competenza negli organismi preposti alla valutazione dei progetti da finanziare, le commissioni valutative devono agire secondo scelte tecniche ben definite per il rilancio artistico di Bologna, farsi veicolo di un messaggio chiaro che guardi all’arte come produzione di contenuti di qualità.

A mio avviso un occhio di riguardo deve essere dato alle sperimentazioni e ai nuovi linguaggi dell’arte, che in una città come la nostra che mira a un’utenza internazionale devono essere promossi anche tramite bandi che convergano sulla creazione di spazi pubblici destinati a residenze artistiche o luoghi preposti alla promozione delle arti contemporanee.
Ampliare lo sguardo verso un orizzonte europeo, dove lo scambio a la ricerca vengano favoriti anche da una semplificazione burocratica per gli artisti e una visibilità e accessibilità maggiore per gli utenti, rivolgendo una particolare attenzione al rapporto tra arte contemporanea e tradizione, molto sentito nella nostra città.

È una responsabilità non da poco, ma insieme possiamo farcela.

 

“Le imprese e i commercianti sono la vera forza di Bologna”

Un servizio di Gabriele Morelli andato in onda al telegiornale di TRC.TV

Artigianato bolognese e marchi di lusso.

UNA MIA INTERVISTA ANDATA IN ONDA IL 22 MAGGIO NELLA RUBRICA TREND, IL SETTIMANALE DI TRC TV CONDOTTO DA FEDERICA GALLI.

In occasione dell’evento 3A RELOADED si è discusso molto delle PMI del comparto moda a confronto con i grandi marchi per fare rete e rilanciare il brand Made in Bologna.

D: Oggi più che mai i grandi marchi sono alla ricerca di piccole imprese specializzate in prodotti innovativi e lavorazioni ad alto tasso di artigianalità. Il mercato c’è, ma c’è ancora molto da fare.

I: C’è molto da fare perché l’impresa è molto orientata al prodotto ma meno orientata agli aspetti organizzativi interni e alle competenze di cui si deve dotare per relazionarsi con le griffe. È anche vero che molte griffe si relazionano attraverso figure che sono molto orientate a cercare il prezzo e non la qualità. Quindi bisogna trovare il giusto equilibrio per valorizzare figure intermedie, i cosiddetti facilitatori e i consulenti, che aiutano a decodificare le informazioni e riescono, con le loro competenze, a far parlare meglio i fornitori con le griffe. C’è tantissimo terreno su cui lavorare che è ancora inespresso: sappiamo che il Made in Italy è un brand e che questo è ricercato a livello internazionale insieme al saper fare e al saper fare artigiano. Abbiamo tutte le doti e tutti gli asset per riuscirci, dobbiamo spingere un po’ di più sulla comunicazione e sulle competenze “soft” di cui ancora non ci dotiamo.

Nei prossimi anni, grazie all’impegno delle imprese e delle associazioni di categoria, la città di Bologna può lavorare sodo per rilanciare intelligentemente il brand Made in Bologna, perché possiede e fonda i suoi valori sull’AUTENTICITÀ e la STORIA, che sono le caratteristiche più ricercate dagli investitori del lusso.

Qui il video (minuti 18:30-22:57)

 

Imprese, giovani e cultura. Le mie priorità per Bologna.

UNA MIA INTERVISTA PUBBLICATA SULLA RIVISTA DIGITALE IO L’IMPRESA DEL MESE DI MAGGIO 2016.

Perché hai deciso di correre per il Consiglio comunale di Bologna?

Ho deciso di mettere a servizio della città le mie competenze, maturate in oltre 15 anni di esperienza nel settore dell’assistenza e dello sviluppo delle piccole imprese, sui temi dell’innovazione manageriale e dell’internazionalizzazione. Sono abituata a lavorare per progetti e per stati di avanzamento. Ritengo che si tratti di un approccio utile anche a migliorare i servizi della Pubblica Amministrazione verso cittadini e imprese. Sono convinta che l’inserimento di figure come la mia all’interno di un contesto politico e istituzionale rappresentino una boccata d’aria fresca per l’Amministrazione di Bologna.

Raccontaci la tua storia personale.

Sono nata a Bari e ho 42 anni. Laureata a Napoli in Economia e Commercio, ho conseguito un Master a Bologna in Organizzazione e Sviluppo Economico. Dopo aver maturato un’esperienza come consulente presso il Comune di Bologna nel Settore Economia, ho lavorato in CNA Emilia Romagna come responsabile dell’Ufficio Internazionalizzazione e di alcuni settori tipici del Made in Italy e della creatività (moda, alimentare e artigianato artistico tradizionale). Attualmente seguo gli stessi settori e la giovane impresa per la CNA di Bologna, occupandomi principalmente della realizzazione di progetti a sostegno dei giovani imprenditori per la nascita e lo sviluppo di start up. Nel 2014 sono stata responsabile Università, Cultura e Ricerca del PD di Bologna.

Quali sono i temi principali su cui ti vuoi dedicare se eletta in Consiglio comunale?

Le tre parole chiave su cui ruota il mio impegno sono i giovani, le imprese e la cultura.

Tre progetti che ti piacerebbe portare avanti se eletta e tre criticità di Bologna che vorresti risolvere.

A mio avviso i punti critici su cui occorre lavorare sin da subito riguardano i regolamenti relativi agli adempimenti per le imprese. Una burocrazia che tende ad aumentare anziché diminuire rappresenta un grande disincentivo a fare impresa e a farla nel modo corretto. Vanno semplificati i regolamenti e ridotti sensibilmente i controlli ex ante, vanno dati tempi brevi e certi di risposta da parte della P.A., occorre fare controlli ex post sulla base di indicazioni chiare e fruibili on line.
Un’altra criticità riguarda le aree di sosta e gli accessi nelle aree pedonali del centro. Sostengo fermamente il lavoro svolto per migliorare la qualità dell’aria disincentivando l’utilizzo di automezzi privati, ma d’altra parte occorre facilitare chi deve entrare in centro per lavoro (anche per soste brevi) e i cittadini con problemi di mobilità (ad esempio disabili e anziani).
Sulla sicurezza e sulla percezione di insicurezza da parte dei bolognesi in alcune zone cosiddette “a rischio” della città credo infine che l’amministrazione abbia preso atto di alcune problematiche. Più in generale occorre rivedere alcuni aspetti della vita cittadina e rivitalizzare la vita dei quartieri: maggiori controlli e promozione di attività culturali e di socializzazione che il comune, in accordo con cittadini ed operatori commerciali, deve sempre più incoraggiare. Tre grandi idee che sarà mia premura promuovere sul territorio bolognese sono in primis un progetto per l’avvio di nuove imprese; poi una proposta per lo sviluppo dei mercati esteri e dell’innovazione per le piccole imprese con potenziale e che il Comune / Città Metropolitana potrebbe agevolare con i fondi di cui verrà dotato per lo sviluppo economico (penso ad esempio al sostegno delle botteghe artigiane che rappresentano anche un volano del turismo in città); infine mi piacerebbe lanciare un tavolo permanente per gli operatori culturali della Città al fine di evitare le sovrapposizioni e qualificare i diversi quartieri per specifiche e distintive proposte culturali in grado di attirare oltre ai cittadini anche turisti e visitatori.

Cosa significa oggi l’impresa e l’imprenditoria per Bologna?

Fare e sostenere l’impresa equivale a continuare ad assicurare benessere economico e sociale per tutto il territorio. L’impresa diffusa è stata il motivo della coesione sociale di Bologna e la crisi ha rischiato di spezzare questi legami anche dal punto di vista sociale. Se c’è più impresa c’è più benessere. Su questo non c’è dubbio.
Inoltre l’impresa è in sé una bottega dove si sviluppano competenze e questo consente anche una formazione continua dei nostri cittadini.

Pensi che per i giovani a Bologna ci siano opportunità sufficienti oppure occorra ancora molto altro?

Bologna è sicuramente un polo attrattivo per studenti e giovani professionisti di tutta Italia e stranieri. Da sempre offre diverse opportunità sia formative che lavorative in relazione con la richiesta delle imprese locali. Dopo un periodo nel quale era maturato un disinteresse da parte dei giovani nei confronti dei mestieri artigiani e della formazione tecnica, oggi assistiamo a un rinnovato interesse e in primis da parte delle imprese che non sempre riescono a trovare personale specializzato. Pertanto vorrei che il Comune investisse molto di più nella formazione sia tecnica che umanistica dei nostri giovani anche favorendo le imprese che accolgono in formazione / tirocinio e apprendistato queste figure.
Inoltre vanno sostenute e incentivate le professioni creative: credo che Bologna debba tornare ad investire su settori come la moda e le arti dove l’approccio al design e alla comunicazione è importante tanto quanto l’approccio manifatturiero.
Infine per l’avvio di nuove imprese si può puntare su finanziamenti, servizi e altre misure che rendano profittevole fare nuove imprese ed investire su quelle esistenti che necessitano di una trasmissione.

Due temi caldi per Bologna sono la sicurezza e la mobilità: cosa ne pensi e quali interventi sarebbero necessari?

Il tema della sicurezza viene sempre accostato al tema del degrado sia nelle periferie che nel centro (per esempio piazza Verdi), io credo che siano due argomenti distinti. Bologna viene percepita come una città poco sicura ma di fatto non assistiamo ad un fenomeno di criminalità dilagante: piuttosto possiamo parlare di episodi di microcriminalità e violenza gratuita che vanno contrastati con maggiori controlli e sorveglianza nelle zone calde, anche chiedendo di rispettare le regole nel momento in cui queste vengono infrante.
Bologna però sta salendo agli onori della cronaca anche per le infiltrazioni mafiose. Non abbassare la guardia e formare tecnici sempre più specializzati e in grado di contrastare questo fenomeno che colpisce anche e soprattutto appalti e contratti della Pubblica Amministrazione. Il tema della mobilità è un tema complesso da trattare e sul quale c’è ancora molto da fare. Si ha come la sensazione a Bologna di vivere all’interno di un cantiere infinito. Per questo motivo la nuova amministrazione avrà l’onere di completare i lavori avviati ma pure di rendere più razionale, intelligente e sostenibile il servizio di trasporto pubblico affinché sia in grado di servire i cittadini sulle tratte e negli orari nei quali si concentrano i bisogni, possibilmente ragionando su un sistema integrato tra Tper e il servizio di trasporto pubblico erogato da Taxi e da NCC.
Sottoscrivo in pieno il lavoro svolto sui T Days e sullo sviluppo e promozione di tutti gli strumenti di mobilità alternativa e sostenibile come il bike sharing, la tangenziale delle bici e il car pooling. Anche su questi aspetti, per andare incontro ai bisogni dei ciclisti e delle persone che usufruiscono di tali servizi, punterei sulla realizzazione di nuovi servizi di ricovero e di sosta dei mezzi.

Per rendere Bologna ancora più attrattiva sia verso i flussi turistici ma anche verso aziende e capitali che qui vorrebbero investire, cosa occorre?

Occorre puntare sull’innovazione delle imprese e soprattutto quelle che operano in ambito turistico, spingendole ad erogare servizi sempre più qualificati, attrattivi e distintivi rispetto ad altre città europee ed extraeuropee.
Puntare sul patrimonio immateriale e i beni intangibili, sull’Arte, sulla Cultura e sul nostro incredibile Paesaggio per rendere l’esperienza bolognese un’esperienza indimenticabile.
Bisogna poi continuare a lavorare su una programmazione pluriennale di sistema pubblico – privato e dotare l’agenzia Bologna Welcome delle risorse necessarie per continuare ad operare secondo gli indirizzi indicati.

clicca qui per vedere la videointervista a ISABELLA ANGIULI e all’Assessore MATTEO LEPORE.

Lo Sport a Bologna: molto più di un’opportunità.

Oggi ho partecipato all’iniziativa VIVI LO SPORT – la festa della Polisportiva Pontevecchio.

È una delle società sportive più numerose di Bologna: cura la gestione di 21 impianti sportivi in città dal 1957, proponendo un’offerta che conta 22 discipline, attività ricreative, progetti scolastici e campi estivi per bambini, adulti e anziani.

Lo sport è sicuramente la disciplina che più di tutte è in grado di creare comunità e l’offerta multidisciplinare e ricreativa della Polisportiva e in generale delle società sportive e delle associazioni è importante per recuperare e diffondere la cultura dello stare insieme sia per i giovani che per tutte le fasce di età della popolazione bolognese.
Investire nello sport, grazie anche a politiche mirate, può accrescere in termini di sviluppo sociale ed economico il benessere della città di Bologna.
In questo incontro abbiamo parlato di integrazione: un pensiero va ai disabili e alle comunità migranti, perché lo sport riesce ad abbattere le barriere spesso più di ogni altra attività sociale.
La Polisportiva, come tutte le altre società, rappresenta una risorsa per il nostro territorio e la sfida più grande sarà affermarsi ancora di più come bene comune.
“La Pontevecchio è un format da brevettare – dice Manuela Verardi – un esempio di impresa in salute”.

Lo sport così è come un’impresa: necessità di una grande organizzazione, sia per difendere i fini manageriali sia per diffondere coesione sociale.
La prossima amministrazione dovrà impegnarsi a garantire condizioni migliori e non solo per gli atleti, i volontari e i dirigenti delle società sportive. Ma anche e sopratutto per i nostri giovani, per evitare che si isolino. Investire su luoghi fisici di aggregazione, infatti, vuol dire favorire la relazione sociale. Una relazione che sia anche transgenerazionale, che veda gli anziani impegnati in attività ricreative e sportive per il proprio benessere e che trasformi l’impegno in opportunità.

Un altro tema affrontato è stato quello del lavoro: in questo senso lo
Sport è lavoro e cultura e allo stesso tempo l’opportunità formativa di apprendere un metodo mentale e una disciplina per affrontare le sfide professionali del futuro.

Per i prossimi anni occorre dare priorità ai bandi, alla manutenzione e alla nuova impiantistica, alla rigenerazione di spazi urbani con strutture e costi sostenibili per la collettività. Per garantire benessere e portare avanti i valori fondanti la comunità.

Materiale Elettorale

Scheda Azzurra scrivi ANGIULI

Clicca volantino ISA per scaricare il file con le linee guida del mio programma.

Clicca talloncino Isa per scaricare il file con le indicazioni di voto.

Clicca facsimile Isa per scaricare il file contenente il fac-simile della scheda elettorale AZZURRA.

Si vota DOMENICA 5 GIUGNO 2016 dalle 7:00 alle 23:00

Ti ricordo che si può esprimere la preferenza per due candidati della stessa lista purché uno sia di genere femminile e l’altro di genere maschile.

Non dimenticare di portare con te la tua TESSERA ELETTORALE e la CARTA D’IDENTITÀ.

Per maggiori informazioni consultare il sito del comune di Bologna alla pagina http://www.comune.bologna.it/node/2261

LA SKARROZZATA

Appuntamento sabato 21 maggio alle 16:30 per LA SKARROZZATApasseggiata per provare la disabilità.

Si parte da Parco 11 Settembre 2001: armati di carrozzina, roller, skate, monopattini, passeggini e altri mezzi non motorizzati per  fare tutti insieme un giro in centro e capire cosa significa spostarsi per le strade di Bologna quando si ha una disabilità motoria.

 

clicca qui per maggiori informazioni.

 

 

Bologna e il diritto alla felicità

Con l’approvazione della legge che regolamenta le unioni civili e le convivenze di fatto sia tra persone omosessuali sia tra eterosessuali sento di poter dire che sono orgogliosa che la città di Bologna si sia fatta portavoce, in tempi non ancora maturi, della battaglia di civiltà che i movimenti LGBT insieme a tanti cittadini hanno portato avanti con coraggio e motivazione.
Virginio Merola ha ragione, oggi più che mai: “Bologna è la città dei diritti e i diritti si conquistano insieme”.

Insieme si può fare e ottenere molto, è vero.
Ma in realtà l’idea di raggiungere un traguardo, che è sempre un gran punto di partenza, mi fa pensare a un solo inalienabile diritto: il diritto alla felicità.
Molte persone che vivono a Bologna, in particolare coloro che hanno deciso di vivere qui, hanno scelto questa città perché qui avrebbero potuto sentirsi liberi, realizzati professionalmente, non giudicati ed essere felici e in prospettiva, noi candidati al governo di questa città, dobbiamo garantire con tutti le nostre forze la realizzazione di queste aspirazioni.

Se le politiche amministrative possono avere effetti sul benessere dei cittadini? Devono!
La Costituzione italiana sancisce nell’art.3 il “pieno sviluppo della persona umana”: la prossima amministrazione, nel rispetto della legge, deve farsi garante della felicità del suo popolo per tutelare la sua dignità a tutto tondo.

Vogliamo essere latori di una politica che riscopra finalmente la sua vocazione di servizio ai cittadini, alla comunità, che progetta il futuro, che ritrova il senso del suo operare nelle radici della propria cultura, una politica che abbia al centro del suo FARE la rimozione gli ostacoli che impediscono a tutti di sentirsi cittadini pieni, con uguali diritti e di trovare, attraverso il proprio progetto di vita – che sia l’altruismo sociale, l’impegno culturale o la costituzione di nuovi nuclei familiari – la felicità.